STORIA (A LIETO FINE) DI UN LAMPADARIO

/ 2 comments
La scorsa settimana si è chiuso un capitolo importante dei lavori in casa mia : è arrivato il lampadario per la camera matrimoniale!!

L'inverno del 2011 è stato dedicato alla ristrutturazione delle camere da letto, nell'aprile del 2012 sono arrivati i mobili e un test di gravidanza positivo...e con quello le nausee, la stanchezza, la scoperta che i nuovi arrivi sarebbero stati due, insomma, tante cose a cui pensare e così poca energia.

Così le finiture sono state un po' trascurate, con il risultato che abbiamo deciso di tenere provvisoriamente (!) il vecchio lampadario scelto da mia madre, in stile vintage campagnolo e a mio parere orribile!
Per fortuna non ho ricordi fotografici da proporvi ;)

Poi, ovviamente, di cose a cui pensare ne abbiamo avute parecchie.
Con un barlume di lucidità ho ordinato le lampade da comodino, fondamentali per la vita notturna con i bebè, queste

Ho continuato a lamentarmi per il vecchio lampadario, che nel frattempo stava fulminando una dopo l'altra tutte le lampadine, e con mio marito abbiamo deciso che ne avremmo preso uno nuovo prima che tutte le luci ci abbandonassero.

Il problema con i lampadari- a mio parere - è che ce ne sono molti brutti, tanti anonimi ed alcuni inarrivabili.
E' stato difficile trovarne uno con personalità, che non costasse uno sproposito e che ci garantisse il giusto grado di luminosità.

Quando ho scoperto La case de cousin Paul ho capito subito che volevo almeno un loro prodotto!
Guardate che splendore..



Ed ecco il mio, arrivato proprio il giorno in cui si è spenta l'ultima lampadina del vecchio (giuro!!)


La piccola è una palla XS color Chocolate e la grande è la misura S color Eggshell



Ed eccolo acceso (il mio super fotografo l'ha inquadrato mediante uno specchio)


Come si può notare fa una luce molto calda e intensa, visto che abbiamo scelto due lampadine LED di tonalità calda e da 10W ciascuna, equivalenti a 60 W l'una.

Sono molto soddisfatta, le palle sono belle e la lavorazione artigianale le rende moderne ed etniche allo stesso tempo.
La spedizione è stata veloce (4 o 5 giorni dalla Francia) in una piccola scatola in cui i globi erano piegati; si rigenerano gonfiandogli all'interno un palloncino (fornito) e spruzzandogli dell'acqua.

Devo dire che è stato facile da scegliere ma anche da montare, dopo 3 anni di attesa mi sembra un miracolo avere il lampadario nuovo!!

Cosa ne pensate?
Anche voi avete mai avuto il "blocco del lampadario"?




2 commenti:

  1. Il mio appartamento è tutto un blocco e non solo per il lampadario.E' il continuo aspettare di trovare il pezzo giusto, ma nel frattempo... la mia camera da letto ha la lampadina in centro soffitto. (di per se è il concetto di lampadario al centro della stanza che non mi garba gran che) In soggiorno invece ho una stupenda plafoniera anni 80 ereditata dal vecchio inquilino... Un susseguirsi di oscenità ! Un anno fa, ho chiesto ad un mio amico designer di disegnarmi una lampada con dei resti di lampade che avevo in casa: il piedistallo di Rosy Angelis (Flos) ed una lampada industriale originale.... Sono ancora in attesa!! Mi piacciono molti i tuoi lampadari, li avevo già visti in giro. Ora che li vedo inseriti in un contesto mi piacciono ancora di più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehehe, il blocco dell'appartamento è grave!
      Scherzo, non sai quante cose vorrei fare/modificare/comprare per la casa, ma le settimane passano...

      Elimina

interagire è bello e costruttivo